Quarto anno di Medicina, secondo semestre

Quarto anno, secondo semestre. Non ho avuto neanche tempo di scrivere un post sul primo semestre. Ho dato patologia generale: poteva andare molto peggio ma anche meglio. Alla fine ho accettato un 24/30, ma non mi sento molto soddisfatto. È un esame che ho studiato come se non ci fosse un domani, ma ho fatto due cazzatine al compito che mi sono costate care, come non dare troppa importanza alle domande degli anni precedenti di patologia molecolare. Infatti mi ha segato con una domanda di robe che non aveva spiegato e un’altra che avrei potuto benissimo riguardarmi. Ma vabbè, i tempi fino a un’ora dall’esame erano tirati e ho dovuto dare priorità ad altre cose. Ho voluto sbarazzarmi dell’esame a gennaio invece che a febbraio per poter dare un altro esamino del secondo anno che mi bloccava farmacologia. L’esame consisteva in due scritti di 2-3 ore a distanza di un giorno l’uno dall’altro e in un orale qualche giorno dopo. In pratica ce l’hanno fatto 10 giorni più tardi, quasi a ridosso del secondo appello. Ogni giorno dopo gli scritti studiavi come un ossesso senza sapere né se eri passato, perché i voti te li annunciano il giorno dell’orale, né quando saresti stato interrogato. Insomma, una bella palla. Psicologicamente e fisicamente pesante, per questo non ho voluto ridarlo (anche perché comunque avrei avuto 5 giorni). All’orale avevo una preparazione nettamente migliore che agli scritti, avevo tappato proprio tutti i buchi, ma non me la sentivo di reimbarcarmi in questo delirio. Il prof di fisiopatologia all’orale, scherzando, mi ha dato del disgraziato perché sono andato parecchio bene e potevo puntare molto più alto. L’amaro in bocca resta, ma per questa volta è andata così. In ogni caso tutti mi hanno detto che ho fatto bene a tenerlo, che non è un esame che si rifà con leggerezza.

A settembre 2015 avevo ridato neuroanatomia, che mi è piaciuta un casino, e con grande soddisfazione ho preso 27. Il che mi ha permesso di registrare un 24 in anatomia che per i nostri standard è ottimo! 

Ora invece mi rimangono gli esami del primo semestre del quarto: farmacologia 1, semeiotica e metodologia clinica e SMC1 (specialità medico-chirurgiche: la 1 comprende cardiologia, cardiochirurgia e pneumologia). 
Al secondo semestre del quarto, adesso, abbiamo Farmacologia  2, SMC2 (nefrologia) e 3 (gastroenterologia) e Anatomia Patologica. Purtroppo questo semestre sono tutti fissati con le presenze, per cui bisogna assolutamente frequentare le lezioni perché chiedono le firme ogni volta. È una bella rottura per chi come me ha un paio di esamini indietro, perché non c’è tempo di studiare. Proprio non c’è. Con alcuni prof puoi anche permetterti di stare lì coi libri a studiare altro, magari senza farti sgamare, ma altri come quello di anatomia patologica devi stare attento e rispondere alle domande che ti fa, perché poi all’esame si ricorda di te (in bene o in male). Il che va anche bene, perché anatomia patologica è un bel corso e lo seguo volentieri, anche se è un corso annuale con esame l’anno prossimo. Il piano quindi è questo: lascio stare SMC1 perché tanto le specialità puoi farle in ordine sparso. Sto studiando Farmaco 1 per giugno; Semeiotica, che dovrebbe essere facile (e per ora è anche piacevole), la prima settimana di maggio; SMC3 (gastro) a luglio, così ne approfitto per darla subito dato che a lezione comunque ci devo andare. Per settembre invece: Farmaco 2 e un altro esame a bonus, vediamo cosa riesco a piazzare. SMC1 mi sa che slitterà a data da definirsi, probabilmente farò la 2 che è più easy come esame e ci vuole poco a prepararla.
In tutto questo, due o tre sere a settimana dovrò rimanere fuori a studiare fino alle 9-10 perché altrimenti non ce la faccio coi tempi. E dovrò spaccarmi durante i weekend, altrimenti non ne esco. Ma sono abbastanza tranquillo, ho buona fiducia di potercela fare. Non ho la mega ansia da 3 mesi prima come al semestre scorso con patologia. Ho deciso che me la gestirò in modo più tranquillo, e per ora ci sto riuscendo.

Rimando a un prossimo post per questioni su tirocini, reparto che vorrei frequentare e così via che ho già scritto troppo. 

Hasta luego

Andrea